iten

Social header

ICONA Facebook666666 ICONA Flickr666666 ICONA Youtube666666 ICONA twitter666666    beta version

Evento sismico nell'appennino bolognese

Una scossa sismica è stata avvertita dalla popolazione tra le province di Ravenna, Bologna e Firenze.
L'epicentro è stato localizzato tra i comuni di palazzuolo sul Senio (Firenze), Casola Valsenio (Ravenna) e Castel del Rio (Bologna).
L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato l'evento alle ore 10,55 con magnitudo 2.7 pari al II / III grado della Scala Mercalli.


C.S. del 25 maggio 2004



Evento sismico nella Provincia di l'Aquila

Una scossa sismica è stata avvertita dalla popolazione nella Provincia di l'Aquila.
L'epicentro è stato localizzato tra i comuni di Barete, Pizzoli e Scoppiti.
L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato l'evento alle ore 07.33 con magnitudo 3.1 pari al III / IV grado della scala Mercalli.


C.S. del 25 maggio 2004



Evento sismico nel bresciano

L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia comunica che in data 24/11/2004, alle ore 23:59 locali, le stazioni della Rete Sismica Nazionale Centralizzata hanno registrato un evento sismico di magnitudo 5.2 pari all'VIII grado della scala Mercalli. L'epicentro è stato localizzato nel bresciano tra i comuni di Vobarno, Salò, Gardone Riviera, Toscolano-Maderno


C.S. del 25 novembre 2004



Evento sismico in provincia di L’Aquila

Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia la scossa si è verificata con magnitudo 3.0 della scala Richter. L’epicentro è stato localizzato tra i comuni di Tagliacozzo, Sgurgola Marsicana e Magliano dei Marsi (Piana del Fucino).
Dalle verifiche effettuate dalla sala operativa del Dipartimento della Protezione civile non vengono segnalati danni a persone o cose.


C.S. del 16 marzo 2004



Evento sismico nella Provincia di L’AQUILA

Una scossa sismica è stata avvertita dalla popolazione nella Provincia di L’AQUILA. L’epicentro è stato localizzato tra i comuni di Barete, Capitignano e Zizzoli.
Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico si è verificato alle ore 11:18 con Magnitudo 3.0 pari al terzo della Scala Mercalli.



C.S. del 7 maggio 2004



Evento sismico nella Provincia di Ascoli Piceno


Una scossa sismica è stata avvertita dalla popolazione nella Provincia di Ascoli Piceno. L’epicentro è stato localizzato tra i comuni di Porto S. Giorgio, Fermo e Lapedona.
Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico si è verificato alle ore 04:48 con una Magnitudo 3.4 pari ad un IV grado della Scala Mercalli.


C.S. del 13 maggio 2004



Evento sismico nella Provincia di Torino

Una scossa sismica è stata avvertita dalla popolazione nella Provincia di Torino. L’epicentro è stato localizzato tra i comuni di Ala di Stura, Balme, Ceres e Lemie.
Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico si è verificato alle ore 02:30 con una magnitudo 3.2 pari ad una IV grado della Scala Mercalli.


C.S. del 14 maggio 2004



Evento sismico nella Provincia di Crotone

Una scossa sismica è stata avvertita dalla popolazione della Provincia di Crotone. L’epicentro è stato localizzato tra i comuni di Crotone e Isola Capo Rizzato. Secondo i rilievi dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico si è verificato alle ore 19:47 con una Magnitudo 2.8 pari ad un III grado della Scala Mercalli.


C.S. del 18 maggio 2004



Comunicato sul terremoto nel Tirreno del 3/3/2004

La Rete Sismica Nazionale dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato oggi 3 Marzo 2004 alle ore 03:13 italiane un evento sismico di magnitudo 4.7 (magnitudo locale ML 4.7, magnitudo durata MD 4.2), avvenuto nel Mar Tirreno con coordinate epicentrali 39.80 N 15.16 E. L'evento in questione, localizzato a circa 30 km a sud-ovest della costa del Cilento, ricade approssimativamente al confine settentrionale della zona dell'Arco Calabro caratterizzata da sismicita` profonda (con profondita` superiori a 30 km) . Tuttavia, l'evento odierno non risulta essere un terremoto profondo, ed ha una profondita` compresa tra 10 e 15 km.
L'evento e' stato seguito da una sola replica di magnitudo 2.4 avvenuta alle ore 03:23 italiane.
Infine, dal Catalogo della Sismicita` Storica non risultano eventi che possano essere associati all'area epicentrale dell'evento in questione.


C.S. del 03 marzo 2004

Il Funzionario di turno INGV
(Dr. Massimo DI BONA)



Terremoto presso la costa settentrionale del Marocco

Il giorno 24 Febbraio 2004, alle ore 3:27 italiane, si è verificato un evento sismico di magnitudo Mw 6.5 presso la costa settentrionale del Marocco. L'epicentro è stato localizzato 160 km a NE della città di Fes, e 170 km a SSE della città di Malaga (Spagna) con coordinate ipocentrali: 35.23N, 3.96W. Durante la sua storia, la regione del Mediterraneo occidentale è stata colpita da diversi eventi sismici alcuni dei quali disastrosi. In particolare, ricordiamo i terremoti che avvengono nella regione meridionale della Spagna, attorno allo stretto di Gibilterra, lungo il margine di separazione tra la placca Africana e quella Euroasiatica e lungo la catena del Maghrebide (fra i quali gli eventi disastrosi dell'Algeria). Il motore di tutta la sismicità di questa regione del mondo è fornito dal movimento reciproco fra la placca Africana e quella Eurasiatica. Nell'area colpita dal terremoto si assiste ad una rotazione della deformazione da una compressione a direttrice NW-SE di diversi mm/anno a una trascorrenza E-W lungo il margine delle placche ad ovest dello Stretto di Gibilterra. Gli eventi avvenuti negli ultimi anni nella regione colpita dal terremoto di oggi hanno mostrato meccanismi coerenti con questo schema tettonico, incluso il meccanismo focale che ha caratterizzato il terremoto di questa notte, che sembra essere di faglia trascorrente. Lo scenario più probabile, per quanto riguarda l'evoluzione della sequenza sismica, prevede il verificarsi di altri eventi (aftershocks) anche di forte intensità (Mw>5), di magnitudo comunque inferiore all'evento principale. Esiste una probabilità, bassa ma non trascurabile, che l'evento principale sia seguito, nelle prossime ore ovvero nei prossimi giorni, da altri terremoti di magnitudo uguale o anche superiore.

C.S. del 24 febbraio 2004

Il Funzionario di turno INGV
(Dr. Claudio CHIARABBA)



Terremoto nella provincia di Catania

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato oggi un evento sismico nella provincia di Catania. L’epicentro è stato localizzato tra i Comuni di Zafferana Etnea e Santa Venerina. L’evento sismico si è verificato alle ore 20,53 con una magnitudo 2.7, pari ad un II-III grado della scala Mercalli.

C.S. del 16 gennaio 2004



Terremoto Turchia Orientale

Il giorno 25 marzo 2004, alle ore 20:30 italiane, si è verificato in Turchia
Orientale un evento sismico di magnitudo Mw 5.5, corrispondente al 7.8 della
scala Mercalli.
L'epicentro è stato localizzato a 35 km da Erzurum e a 685 km da Ankara con
coordinate epicentrali: 39.93 Nord, 3.96 W

C.S. del 25 marzo 2004



Terremoto Isola di Salina

Nella giornata di oggi, 5 maggio 2004, la Rete Sismica Nazionale ha registrato alle ore 15:39 (ora italiana) un terremoto di Magnitudo “Richter” 5.3 al di sotto dell’Isola di Salina. Il terremoto è stato localizzato nel punto di coordinate

Lat. 38.53 Nord
Long. 14.87 Est
Prof. 250 km

L’elevata profondità ipocentrale, tipica di questa zona d’Italia, ha determinato un risentimento esteso (in tutta l’Italia meridionale) ma di bassa intensità, nonostante la magnitudo dell’evento fosse pari a 5.3.
Dal 1 Gennaio 2003 sono stati localizzati dalla Rete sismica Nazionale altri terremoti con caratteristiche analoghe a quello odierno, tutti con magnitudo inferiore. Il più forte, avvenuto il 24 Settembre 2003 alle 13:05, ha avuto una magnitudo Richter pari a 3.5. Negli anni precedenti, numerosi altri eventi sismici profondi, anche di magnitudo superiore a quello di oggi, sono riportati nei cataloghi sismici.

Il terremoto di oggi è caratterizzato da un meccanismo focale tipico dei terremoti che avvengono nella zona di subduzione del basso Tirreno, con asse di massima compressione immergente verso Nord.

C.S. del 5 maggio 2004


Evento sismico Bosnia-Erzegovina

E' stata registrata dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia un evento fuori rete, in Bosnia - Erzegovina. L'evento sismico si è verificato alle ore 17:19, con magnitudo 5.3 pari al VII/VIII grado della Scala Mercalli, ed ha interessato le località di Mostar e Ljubiski.


C.S. del 23 maggio 2004


Evento sismico in Slovenia del 12 luglio 2004


Alle ore 15.04 di oggi 12 luglio 2004 ha avuto luogo un forte terremoto che le stazioni della Rete Nazionale Centralizzata dell’INGV hanno localizzato in territorio sloveno, non lontano da Bovec e Kobarid e a circa 20 km a SSE di Tarvisio. La magnitudo stimata è pari a 5.2, un livello energetico che all’epicentro può aver causato effetti di VII-VIII grado (intensità secondo la scala Mercalli). Il terremoto è stato seguito da un numero abbastanza esiguo di repliche, solo una delle quali sensibile (ore 18:27 italiane, M 3.0). Ulteriori analisi effettuate subito dopo la scossa da ricercatori dell’INGV mostrano che la sorgente del terremoto è una faglia orientata NW-SE che quasi certamente rappresenta un segmento del sistema di faglie noto in letteratura come “Sistema di faglie Idrja”. Lungo questa faglia avrebbe avuto luogo un movimento trascorrente destro con una componente inversa subordinata.
La zona è caratterizzata da una sismicità di elevata energia e abbastanza ben conosciuta. Circa 20 km a SW del terremoto di oggi nel 1511 ha avuto luogo un forte terremoto noto come “terremoto di Cividale”, con magnitudo stimata 6.9. A circa 40 km a W dell’epicentro ha avuto luogo la ben nota sequenza culminata con la scossa del 6 maggio 1976 (M 6.4). Diversi terremoti con magnitudo superiore a 5 hanno colpito il Friuli nel 1389, 1700, 1788, 1920 e 1928. Complessivamente questa sismicità si inquadra nel regime compressivo derivante dallo scontro in direzione approssimativamente N-S tra la cosiddetta “microplacca adriatica” e il continente europeo.


C.S. del 12 luglio 2004